giovedì 24 mag 2018
Login

Posts Tagged ‘museo del vetro’

Giardino del Museo del Vetro di Murano a Venezia progetto e realizzazione del 1996

Giardino museo murano

Giardino museo Murano

Progetto realizzato nel 1996 arch. Anita Cerpelloni e arch. Giuseppe Camporini

Un’oasi verde a Murano – Ve.

Il Restauro del Giardino del Museo del Vetro a Murano è stato realizzato in collaborazione con i Musei Civici Veneziani, all’Assessorato alla Cultura del Comune di Venezia e finanziato dall’Associazione Margherita Ripamonti di Como.
La dott.ssa Attilia Dorigato ha curato il coordinamento scientifico dell’intervento, che si è articolato in una prima fase di recupero dello spazio verde attiguo al museo: come progettisti abbiamo pianificato gli interventi, realizzati da specialisti del settore, di cura delle alberature d’alto fusto, di rimozione delle piante infestanti e dell’abbattimento degli alberi malati, in modo da preservare le essenze arboree in buono stato, Populus Alba, Quercus ilex, Salix alba, Magnolia grandiflora, Tilia platyphylia, Celtis australis.
Con la seconda fase di progettazione e di realizzazione, abbiamo ridisegnato lo spazio del giardino, che era rimasto abbandonato per lungo tempo.  Nel progetto abbiamo proposto un percorso all’interno del giardino, che mantenesse il rispetto della sua integrità e delle specie arboree esistenti.

Gli interventi architettonici sono stati finalizzati al restauro degli spazi nella loro interezza: percorsi e luoghi di sosta, realizzati con i materiali della tradizione veneziana, come mattoni “faccia a vista” per le murature in elevazione, pietra d’Istria per gli elementi di contorno e di arredo, masegni in trachite o mattoni per le pavimentazioni.
Nel giardino si può ritrovare un momento di sosta e di riflessione e si può godere della visione della vicina chiesa dei SS Maria e Donato.

Progetto e realizzazione 1996 arch. Anita Cerpelloni e arch. Giuseppe Camporini – Venezia


BIO-ARCHITETTURA

…..con questa definizione ora su Internet si trovano tante informazioni, ditte specializzate, materiali, soluzioni tecniche, risparmio energetico, risparmio idrico, ma io vorrei portare all’attenzione una problematica molto trascurata, soprattutto a livello legislativo, ma anche nei vari campi della ricerca….le geopatie, i campi elettrici, i campi magnetici. Infatti siamo immersi in un numero sempre crescente di questi campi energetici, la scienza e la ricerca non hanno ancora stabilito con certezza il grado e la qualità di “interferenza” con gli organismi viventi, uomo, animali, piante, ma qualche domanda è doveroso farsela…..le influenze di questi campi energetici sono veramente nulle?…….


 

News

Sorry, but your category is empty!